giovedì 14 dicembre 2017

RIPOPOLARE LA MONTAGNA CON LA PASSIONE























PROGETTO ALTRO ALTO.
RIPOPOLARE LA MONTAGNA CON LA FORZA DELLE IDEE E DELLA PASSIONE.
Ti piacerebbe se esistesse un piccolo paese di Montagna in grado di ospitarti a costi minimi e gratuitamente offrirti dei corsi dove apprendere le tecniche sulle discipline dell'alpinismo?
Se la risposta è si "clicca" su mi piace avrai così contribuito a far decollare questo Progetto.
Buona Montagna e Felice Vita da Dorino. Mandi
Il Progetto ALTRO ALTO è rivolto a tutte le persone che AMANO LA MONTAGNA e il suo ambiente.

A tutte le persone che AMANO LA MONTAGNA e desiderano essere Ospiti di piccoli paesi della Montagna Italiana dove potranno apprendere gratuitamente o approfondire le nozioni su tutte le discipline alpinistiche di loro gradimento.
A tutte le persone VERAMENTE INNAMORATE DELLA MONTAGNA disposti a CONDIVIDERE le loro conoscenze in materia alpinistica per una settimana in cambio di vitto,alloggio,assicurazione e rimborso spese.
Alle case produttrici di accessori e abbigliamento per la montagna che vogliono avere a disposizione un laboratorio naturale per far conoscere e testare i loro prodotti.

Per tale motivo cerchiamo VERI INNAMORATI DELLA MONTAGNA con esperienza in una o più discipline di seguito elencate:
vie ferrate,arrampicata,cascate di ghiaccio,bouldering, 
mountainbike,orientamento,cartografia,scialpinismo,avanzamento in ambiente innevato, escursioni con racchette da neve,uso dell'ARTVA e soccorso travolti in valanga, sicurezza in montagna,nozioni primo soccorso, ,fotografia,videomaker,webmaster,blogger.

“ALTRO ALTO” è un Progetto innovativo ed unico nel suo genere che si pone come obiettivo valorizzare e ripopolare i piccoli centri della nostra Meravigliosa Montagna Italiana attraverso la Condivisione delle proprie conoscenze nei vari campi dell’alpinismo e offrendo ospitalità turistica a minimi costi.
Ci preme rendervi noto che la visibilità di questo progetto sarà il “Carburante” potente che gli consentirà di farlo decollare.
Infatti il nostro impegno sarà volto, principalmente ed inizialmente, a rendere noto questo progetto in tutti i modi possibili, partendo da questo mondo dove contiamo di raggiungere in breve tempo 1.000.000 di approvazioni (MI PIACE) da portare in visione alle istituzioni e Sponsor .
Perchè questo avvenga vi chiediamo di rendere nota ai vostri amici in qualsiasi modo questa pagina.

Buona Montagna e Felice Vita da Dorino Bon, ideatore di questo Progetto.
Grazie.

(Penso che questo Progetto sarà la Scalata più faticosa della mia Vita,ma proprio per questo sono convinto che riempirà il cuore di gioia quando sarò in cima)





lunedì 11 dicembre 2017

RIEMPI LA MONTAGNA DI GENTE di Dorino Bon




RIEMPI LA MONTAGNA DI GENTE.


"C’erano una volta , lassù tra nuvole stupende che accarezzavano il cielo quasi a toccare Dio, dei fantastici piccoli paesi scolpiti nelle rocce dei monti. Le loro mura riparavano molte persone, stringendole forte con valori e tradizioni di un tempo, abbracciandole con la ricchezza dell’essenza della vita. Le persone vivevano con piccole grandi cose , disegnando i giorni con la solidarietà dell’essere uniti. Uomini, donne, bambini, anziani scandivano il tempo al ritmo di tradizioni e usanze, nutrendosi delle ricchezze che la natura gli donava e sopratutto Dio era li, in ogni cosa in ogni istante. Poi piano, piano, lentamente quelli che erano i Valori con le lettere maiuscole, lasciarono il posto a convinzioni di comodo legate solamente all’egoismo malato e al disastroso consumismo da inseguire in ogni istante e a ogni occasione. Non bastava più nulla.Il benessere lentamente travolgeva l’anima e tutto diventava stretto. , La fatica veniva schivata e le strade del “tutto subito facilmente”, si intasavano sempre di più. Il sapersi accontentare sapendo gioire delle piccole cose, mano, mano scompariva. E cosi inesorabilmente quei piccoli gioielli scolpiti, culle di mille stupendi battiti, posti tra i magnifici verdi dei boschi e i contrastanti grigi delle rocce delle nostre montagne, rimasero privi dei loro cuori e delle loro anime che ingannati come sempre da falsi ideali e dai valori con le lettere minuscole decidevano di inseguirli . Quei incantevoli paesi diventarono a poco a poco isole deserte, contenitori di silenzi spettrali lasciando scappare quei pochi abitanti che lentamente si lasciarono convincere che il bene era altrove e la scelta di allontanarsi era necessaria. Ma poi un giorno, all’improvviso quando tutto sembrava finito, quando questi paesi stavano già per diventare storia ,nomi da ricordare, quando le ultime calde luci si stavano per spegnere,ecco che degli Uomini chiamati politici , ricaricati nell’Anima dalla Passione e Amore per la Montagna come per magia lavorando senza sosta in una scalata senza eguali, riuscirono a costruire un sistema andando controcorrente , solcando vecchi sentieri disegnati nuovamente da Valori con le lettere maiuscole. Una scalata piena di difficoltà affrontata con tenacia , passione e tanta fatica. Una scalata su di una parete difficilissima, la parete dell’interesse economico. Uomini , prima che Politici, animati dalla volontà di far rivivere nella semplicità la Montagna e tutto ciò che gli stava attorno. Trovarono mille ostacoli, diffidenze, intoppi, scetticismo,ma ridiventando bambini, riuscirono a scalare la parete fino ad arrivare in cima. Lentamente, ma inesorabilmente, riuscirono a creare delle quasi fantascientifiche norme , che permisero ai piccoli paesini di Montagna di ridiventare dei veri quadri della vita. Questi Uomini crearono un sistema che favoriva chi coraggiosamente decideva di iniziare nuovamente la propria vita scegliendo come dimora i paesi di Montagna. Imposero con fermezza che chi avesse intrapreso detta scelta fosse esentato da “grandi tasse”, imponendo piccolissimi contributi, quasi inesistenti. Crearono delle norme che permettevano a tutte le persone che avessero deciso di vivere in quei luoghi , ripopolando la Montagna, di acquistare con facilità e agevolazioni abitazioni e mezzi necessari ad intraprendere qualsiasi attività imprenditoriale o artigianale quasi cancellando uno degli ostacoli più grandi esistenti: la burocrazia. Nel giro di poco tempo imprenditori motivati e seri stabilirono nei comuni interessati a tali benefici e iniziative le loro sedi produttive permettendo alle famiglie di espletare un’attività lavorativa che permettesse loro di vivere ancora nei loro paesi. Anche il settore turistico ne trasse dei benefici vedendo la nascita di nuovi locali ricettivi, bed and breakfast, Alberghi diffusi, “montainturismo” e Rifugi. Tutte attività “detassate” ed agevolate nella loro nascita e nella loro gestione tipicamente famigliare. Le iniziative escursionistiche, motore e ricchezza della montagna, diventarono parte fondamentale dell’economia di detti paesi con la creazione di figure organizzative indirizzate specificatamente alle risorse naturali che l’ambiente montano circostante offriva. In tutto l’arco dell’anno il circondario escursionistico di questi magnifici gioielli montani divenne attrattiva per un turismo specifico attirando sempre di più l’attenzione degli appassionati nella Montagna. Ogni itinerario escursionistico venne valorizzato e pubblicizzato permettendo alle persone di conoscerlo in tutte le stagioni dell’anno. Vennero organizzati in continuazione eventi ed iniziative di alto richiamo mediatico che consentirono di far conoscere questi paesi anche al di fuori della nostra Nazione . Questi paesi che stavano per morire per sempre, grazie al coraggio e alla passione disinteressati di alcuni Uomini politici del nostro paese divennero dei gioielli della natura conosciuti ovunque per le loro particolarità e per la loro storia. In poco tempo e con piccole regole ritornarono a riempirsi con le anime e i cuori di numerose famiglie che avevano deciso di vivere in modo semplice la loro vita rimanendo per sempre nella loro amata montagna ."


(Logicamente tutto questo è solo Fantasia)

(Dorino Bon)

venerdì 8 dicembre 2017

RIFUGIO ZACCHI APERTURA INVERNALE 2017












LO STAFF Ph:Francesco Galeazzo


RIAPERTURA 8 DICEMBRE 2017

IL RIFUGIO ALPINO LUIGI ZACCHI
Una incantevole meta in una montagna da favola.

Questa è una notizia che va diffusa con tutte le forze e con tutti i mezzi. Perchè? Semplice. Questo Rifugio, Grazie alla volontà e alle idee propositive dei suoi Gestori,è uno dei pochi Rifugi Alpini Friulani (non serviti da impianti di risalita) aperti durante il periodo invernale.Il Rifugio Zacchi si trova in una posizione incantevole ed affascinante nel Comune di Tarvisio (UD), sotto la parete Ovest della Ponza Grande, in un anfiteatro naturale formato dalle Ponze, dal Veunza e dal Mangart che racchiudono l’area protetta del bellissimo Parco di Fusine. Il Rifugio è meta di escursionisti amanti delle ciaspe, dello scialpinismo e anche del cicloturismo estremo invernale. Inoltre è fulcro della passione per l’Alpinismo di tre nazioni: Italia, Austria e Slovenia.
Una meta per gli amanti delle ciaspe a dir poco suggestiva ed affascinante. Un itinerario da riscoprire per scoprire gli incantevoli luoghi di un Friuli Venezia Giulia che ama far parlare di se attraverso le bellezze della natura.

 Sauna Finlandese.
Grazie Mille ragazzi. Dar voce a questa Vostra Grande Forza è il minimo che io possa fare.

Buona Montagna e Felice Vita da Dorino



Per prenotazioni

Telefono:

0428-786064 

+39 338 5030887 Gianni

+39 333 2357346 Rosa

Skype:
gianni.matiz




Indirizzo:
Rifugio Alpino Luigi Zacchi
Località Conca delle Ponze
TARVISIO







sabato 25 novembre 2017

LA MONTAGNA ITALIANA SUL WEB

IL GRAN PARADISO Ph: CANOVA Rossana

GRAN PARADISO 4061MT.
Ph:CANOVA Rossana



IN CIMA
IN CIMA  è una creatura de IL BLOG DELLA MONTAGNA. Si tratta di un gruppo composto da oltre 8.000 alpinisti che condividono più di 50.000 immagini scattate sulle cime della montagna Italiana.





martedì 24 ottobre 2017

PAROLE IN ALTO



PAROLE ALTE



"Lassù tra le mie nuvole
trovo i posti più sicuri
dove appendere al chiodo
la mia vita."
(Dorino Bon)


MANUALE DELLA FOTOGRAFIA IN MONTAGNA

Manuale a cura di Cesare RE

MANUALE DELLA FOTOGRAFIA IN MONTAGNA
I consigli del Fotografo Cesare RE


Chi è Cesare RE:

Cesare Re è fotografo e autore di guide e libri di montagna. Da anni, studia, esplora e documenta le vallate alpine, raccontando il paesaggio, la flora, la fauna, la cultura e le tradizioni della montagna, soprattutto delle Alpi. Ha percorso l'Arco Alpino in lungo e in largo e, ovviamente, in verticale, scrivendo libri e articoli e scattando diverse decine di migliaia di fotografie. Ha trascinato reflex, obiettivi, treppiedi, strumenti, aggeggi e marchingegni fotografici vari in moltissimi luoghi montani, noti e meno noti, cercando di portare a casa emozioni, sensazioni e visioni di un magico mondo verticale, espressione di un ambiente naturale unico che, negli anni, continua ad affascinarlo in maniera quasi irrazionale. Parola e fotografia camminano, quindi, "di pari passo" su sentieri e giogaie, morene e ghiacciai, creste e cime, divenendo un tutt'uno indissolubile. Dal 2000, collabora con la Rivista TREKKING&Outdoor.






Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...