lunedì 12 febbraio 2018

LE ROMANTICHE DOLOMITI DELL'ALTA BADIA

San Cassiano,Le Dolomiti e l'Alta Badia in oltre 1500 immagini


LE ROMANTICHE DOLOMITI DELL'ALTA BADIA

Un Reportage Romantico con oltre 1500 immagini del paese di San Cassiano tra le Dolomiti dell'Alta Badia.


GUARDA LE IMMAGINI


In questo Meraviglioso paese ci sono capitato per caso, dopo aver sbagliato strada, nel 1985. Da allora non ne posso più fare a meno. Appena posso scappo lassù tra le mie nuvole e armato di Passione e macchina fotografica faccio incetta di Felicità. Con le mie umili immagini cerco di raccontarvi le Emozioni che provo a guardarmi in giro quando parcheggio il mio cuore e la mia anima  qui a San Cassiano nel mio nido di Villa Hilde e CiasaParom. San Cassiano si trova a metri 1535 ed è un paese incantevole ed elegante  incastonato tra le maestose vette dolomitiche uniche al mondo e dichiarate patrimonio dell’umanità UNESCO.La Varella,Counturines,Settsass e Lagazuoi sono le pareti e le cime più ambite da escursionisti e alpinisti. In inverno si trasforma in un paesaggio favola per fondisti e sportivi che amano la neve .

PERCHE’ IL NOME SAN CASSIANO?
“Nel 14°secolo scoppiò la peste. La gente di Armentarola pregava il Santo San Cassiano per la protezione. Il pregare della gente è stato accolto, per questo motivo il paese è stato denominato San Cassiano. La Chiesa di San Cassiano ha una reliquia di San Cassiano (un pezzo d’osso del braccio), che viene portata durante la processione in paese, ogni anno in occasione della festa di patrocinio (la terza domenica dopo Pasqua).”

LA CHIESA DI SAN CASSIANO


“San Cassiano (dapprima Armentarola) appartenne fino l’anno 1449 a Pieve di Marebbe. La gente doveva andare a Pieve di Marebbe per le funzioni religiose, per i battesimi e per i funerali. Dopodiché iniziarono ad andare solo fino a Badia. Il parroco di Badia veniva solo ogni terza domenica del mese a San Cassiano a celebrare la Santa Messa. L’anno 1541 fu stata inaugurata ad Armentarola una chiesetta dedicata allo Spirito Santo e a San Cassiano. L’anno 1744 il vescovo di Bressanone concesse un parroco per il paese di San Cassiano. Jan Domëne Ploner restò otto anni parroco di San Cassiano che diventò di seguito decano della vallata. A San Cassiano arrivò Signor Tita Thaler. Dal 1744 in poi ci furono 19 parroci a San Cassiano La CHIESA e le CAPPELLE Nell’anno 1581 fu consacrata a San Cassiano la prima cappella dedicata a San Cassiano che bruciò l’anno 1723. Nell’anno 1762 – 63 costruì il maestro Matî Promberger la Chiesa di San Cassiano (ancora oggi), consacrata nell’anno 1782 dal vescovo J. Von Spur. Nel 1982 furono festeggiati 200 anni dalla consacrazione della Chiesa. Negli anni 1844 – 45, 81 anni dopo la costruzione, la Chiesa fu prolungata di 6 metri. Per l’occasione fu anche costruito l’organo, con 13 registri, offerto dal Signor Jambatista Rinna di Suracianins. All’entrata della Chiesa, sulla destra, ci sono due segnaletiche di pietra che ricordano i benefattori della Chiesa, tra questi anche il Signor Jambatista Rinna. Il cimitero è stato rinnovato e ingrandito più volte, l’ultima volta nel 1986. In cimitero si trova una piccola cappella che ricorda i caduti della Guerra Mondiale. La Chiesa è di stile barocco, dedicata a San Cassiano, patrono del paese. San Cassiano viene festeggiato la seconda domenica dopo Pasqua. — presso San Cassiano BZ.”

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...